Leonardo e l'Arno
Leonardo e l’Arno

Un volume che mancava. La sala delle conferenze Bertarelli al Castello Sforzesco di Milano ha ospitato, martedì 20 ottobre 2015, la presentazione del libro Leonardo e l’Arno (Pacini editore), curato da Roberta Barsanti. Il volume, realizzato col contributo di Acque SpA e Acea, col patrocinio del Comune di Vinci e il coordinamento dell’Associazione MetaMorfosi, raccoglie saggi di esperti leonardeschi che analizzano il tema dell’acqua, argomento che ha impegnato il genio del Rinascimento per un lungo arco di tempo, diventando una costante dei suoi studi, in un percorso interdisciplinare che va dalla fisica alla meccanica. La serata, introdotta da Franco Cardini, ha visto gli interventi della curatrice Roberta Barsanti e di Cristina Cappellini, Assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Regione Lombardia, Giuseppe Sardu, Presidente Acque SpA, Stefano Porro, Direttore Relazioni Esterne Acea SpA, Giuseppe Torchia, Sindaco di Vinci, Giovanni Paolo Marati, Amministratore Delegato Acque SpA, Pietro Folena, Presidente Associazione MetaMorfosi. Il libro, in particolare, affronta le ricerche di Leonardo relative al fiume Arno, inquadrate nel più ampio contesto dei suoi scritti sull’acqua come della sua produzione cartografica, sullo sfondo di una Toscana che vedeva Firenze impegnata nella guerra contro Pisa.

“Non è un caso che si sia scelto Milano per presentare Leonardo e l’Arno – ha sottolineato Roberta Barsanti, curatrice del volume e direttrice del Museo Leonardiano di Vinci. Qui, Leonardo si è trasferito nel 1482, alla corte di Ludovico il Moro. E qui, l’artista ha realizzato opere quali la Vergine delle Rocce, splendidi ritratti come il Musico, la Belle Ferronière, il ritratto di dama identificata come Cecilia Gallerani, e dipinge il celeberrimo Cenacolo, la prestigiosa Sala delle Asse nel Castello Sforzesco”. “A Milano – ha proseguito Roberta Barsanti – Leonardo ebbe tuttavia modo di acquisire straordinarie competenze nel campo dell’ingegneria idraulica, scienza decisamente avanzata nell’illustre ducato sforzesco. Leonardo, infatti, guardò attentamente ai progetti realizzati dagli ingegneri lombardi, come il canale della Martesana e la rete dei navigli che costituivano un’importante e funzionale sistema di idrovie. Le conoscenze acquisiste da Leonardo in questi anni in materia di idraulica sono decisamente vaste come emerge da questa pubblicazione che si avvale di un taglio interdisciplinare”.

Leonardo e l’Arno si configura come un tema ampio e complesso, estremamente articolato ed esteso dal punto di vista cronologico e ha richiesto una selezione di argomenti, in parte determinata da alcune linee di ricerca sviluppate nell’ambito degli studi della Biblioteca Leonardiana e del Museo Leonardiano di Vinci. I contributi presentati in questo volume, con approcci diversi, consentono di arguire l’ampio ventaglio delle conoscenze del Vinciano sui temi qui trattati, offrendo nuovi spunti di riflessione. Riflessioni teoriche sull’acqua e sulla sua natura si alternano a progetti di ingegneria idraulica come all’ideazione di macchine destinate alle produzioni più varie che sfruttano la forza motrice generata dal suo movimento.

“Leonardo – ha affermato Giuseppe Sardu, Presidente Acque SpA – disegna tanti dispositivi idraulici con occhio funzionale, moderno e volto alla risoluzione di problemi concreti: sistemi di pompaggio per portare l’acqua nelle abitazioni, vie d’acqua destinate a favorire i trasporti, sistemi idraulici atti a risolvere il problema degli scarichi delle abitazioni e migliorare così le condizioni igieniche della città, fino al progetto di deviazione del corso del fiume Arno in Toscana, che avrebbe condotto al mare i fiorentini e tagliato fuori Pisa, la storica città nemica. Al di là di alcuni aspetti irrealistici e fantasiosi di quest’ultimo, al fondo di tante intuizioni c’è l’idea di un rapporto non fisso e passivo con la natura, di un uomo che interagisce con essa e la trasforma per migliorare l’ambiente in cui opera e vive”.

“Il sostegno a questo importante evento editoriale – ha continuato Giuseppe Sardu – vuole testimoniare proprio il forte legame con il territorio in cui operiamo, quello della Conferenza Territoriale n. 2 Basso Valdarno della Toscana, che tra i suoi 55 Comuni include anche Vinci, il Comune che dette i natali a Leonardo. Il nostro è un contributo a valorizzare sempre di più un ambiente unico, accrescendo nel contempo, attraverso la conoscenza delle geniali intuizioni di Leonardo sull’acqua, la consapevolezza della centralità della scienza e dell’innovazione, ai fini della regolazione e dell’utilizzo razionale ed efficiente della risorsa più preziosa per l’uomo”.

“Leonardo – ha sostenuto il sindaco di Vinci, Giuseppe Torchia – dedicò all’Arno e, più in generale all’acqua quale ineguagliabile forza motrice, numerosi studi e altrettanti progetti che oggi, grazie all’interessamento di Acque SpA e di Acea, da anni in prima linea nella gestione di questa inestimabile risorsa, sono riassunti e ampiamente affrontati all’interno di questo volume. I contributi scientifici qui raccolti approfondiscono e in molti casi completano, fra l’altro, precedenti ricerche che, solo cinque anni fa, hanno reso possibile la realizzazione della Sala delle Acque del nostro Museo Leonardiano, andando ad arricchire la nostra conoscenza di un aspetto ancora in parte inedito dell’opera di Leonardo da Vinci”.

Dal canto suo, Pietro Folena, presidente dell’Associazione MetaMorfosi, ha ricordato che “Leonardo da Vinci è stato il primo grande pensatore, inventore, scienziato a porsi compiutamente il problema della sfida dell’uomo con l’acqua. In particolare dell’acqua dell’Arno, che Leonardo vedeva scorrere giù nella valle, e che dalle montagne e da Firenze scendeva, talvolta impetuosa, verso Pisa e verso il mare. Leonardo e l’Arno, quindi, è un contributo culturale e scientifico a leggere i progetti, gli studi e le geniali invenzioni leonardesche partendo dal suo fiume, lì, sotto Vinci”.

“L’auspicio di MetaMorfosi che ha coordinato questa pubblicazione – ha continuato Pietro Folena – nel contesto di un impegno importante attorno a Leonardo – è che questo testo, proposto da Acque e da Acea, e fatto proprio dalla città di Vinci e dal suo Museo leonardesco, sia l’occasione per arricchire gli studi sul genio del Rinascimento; e anche per riflettere sul ruolo che questo grande bene comune deve avere in un’Italia che, dopo tanti anni di saccheggi, si riconcilii col suo meraviglioso ambiente”.