La fontana lato collegiata
La fontana lato collegiata

«Il 16 ottobre del 1904 – si legge sulle colonne del Piccolo Corriere del Valdarno e della Valdelsa – moriva in Empoli a 63 anni il maestro Gaetano Fabiani. è vivo tuttora il ricordo del trionfale omaggio reso, col trasporto funebre, alla scienza musicale ed alla bontà d’animo del compianto indimenticabile estinto. Non mai nella nostra città, s’era visto fino allora tanta e sì varia folla seguire una bara. All’annunzio della morte, non guardando a disagi, eran venuti, anche da città e paesi lontani, amici e discepoli memori». Dopo la sua morte la fama del Maestro travalicherà l’ambito toscano. Addirittura la Banda pontificia suonerà pezzi del Fabiani. «Per la solenne ricorrenza anniversaria dell’incoronazione di S.S. Pio XI Pontefice Massimo, nel cortile di San Damaso la Banda Pontificia eseguiva un applaudito programma musicale, di cui i quotidiani parlarono ricordando, tra i pezzi eseguiti, alcune marce del Maestro Fabiani. Siccome da qualcuno ci è stato domandato se si tratta di Gaetano Fabiani, l’illustre e compianto Maestro concittadino, rispondiamo affermativamente: le composizioni del Maestro Fabiani, che figuravano d’obbligo nelle esecuzioni di programmi musicali in Germania ed altrove, per le circostanze dei convegni dei nostri Reali con i sovrani esteri, godono di una meritata celebrità e sono, per ispirazione e per fattura, tra le più reputate e più gradite alla critica e al pubblico».

Paolo Santini©RIPRODUZIONE RISERVATA