Firenze, Forte di Belvedere 26 Aprile 2015 – 27 Settembre 2015

Mostra promossa dal Comune di Firenze e Organizzata da Mus.e con il sostegno di Galleria Continua e White Cube. Direzione Artistica di Sergio Risaliti; a cura di Arabella Natalini e Sergio Risaliti

 

Antony Gormley HUMAN Forte di Belvedere, Florence, Italy  Photograph by Pietro Savorelli Courtesy Galleria Continua and White Cube © the Artist
Antony Gormley
HUMAN
Forte di Belvedere, Florence, Italy
Photograph by Pietro Savorelli
Courtesy Galleria Continua and White Cube
© the Artist

 

Dal 26 aprile Firenze ospita le opere di Antony Gormley, uno dei più apprezzati scultori viventi.  La mostra dal titolo Human, segue i grandi successi delle esposizioni di Zhang Huan che ha accompagnato la riapertura del Forte di Belvedere nel 2013 e di Giuseppe Penone  nel 2014.  Curata da  Sergio Risaliti e  Arabella Natalini, Human vede riunite più di cento opere di Gormley nelle sale interne della palazzina, sui bastioni, sulle scalinate e le terrazze, occupando ogni lato della fortezza cinquecentesca con le sue straordinarie viste sulla città e le colline circostanti.

Tra le opere in mostra l’importante  installazione Critical Mass, un “anti-monumento che evoca tutte le vittime del XX secolo”. L’opera, ideata originariamente nel 1995, per un vecchio deposito di tram a Vienna e farne un punto di riflessione su un momento buio della storia della Germania. Visibile sulla terrazza inferiore del Forte, Critical Mass, acquisisce una nuova forza nel confronto con la città rinascimentale, la storia dell’umanesimo e la continua e onnipresente relazione tra denaro e potere militare. Le figure più naturalistiche di Critical Mass, derivate da modelli presi direttamente dal corpo dell’artista, sono in dialogo con le recenti opere conosciute come Blockworks, che restituiscono l’anatomia umana attraverso volumi architettonici mentre ogni scultura è posizionata per entrare in risonanza con la struttura del Forte. La grande esposizione, la più grande mai concepita in uno spazio storico, trova la sua collocazione “naturale” a Firenze, città nella quale, tra Quattrocento e Cinquecento, artisti come Donatello, Michelangelo, Bandinelli e Cellini si sono dedicati allo studio della rappresentazione dell’uomo “ideale” in rapporto all’architettura.

Antony Gormley HUMAN Forte di Belvedere, Florence, Italy  Photograph by Emiliano Cribari Courtesy Galleria Continua and White Cube © the Artist
Antony Gormley
HUMAN
Forte di Belvedere, Florence, Italy
Photograph by Emiliano Cribari
Courtesy Galleria Continua and White Cube
© the Artist

Human rinnova e conferma la determinazione della città a promuovere la cultura contemporanea, cercando una cruciale interazione tra la Firenze del Rinascimento e la città attuale in uno stretto dialogo tra scultura e  una nuova concezione dell’ambiente antropico.

Paolo Santini24