Dolci trionfi e sculture in zucchero
Dolci trionfi e sculture in zucchero

Al via la mostra “Dolci trionfi e finissime piegature. Sculture in zucchero e tovaglioli per le nozze fiorentine di Maria de’ Medici”; aprirà martedì 10 marzo e resterà aperta fino al 7 giugno nella Sala Bianca della Galleria Palatina di Palazzo Pitti. L’idea della mostra – proposta nella circostanza dell’Expo 2015 – prende avvio dal banchetto tenutosi in Palazzo Vecchio la sera del 5 ottobre 1600 per le nozze fiorentine di Maria de’ Medici con Enrico IV di Francia.  Di questo storico evento – fondamentale anche per gli esiti della musica e della drammaturgia moderne – siamo a conoscenza grazie alla puntuale Descrizione che ne dette Michelangelo Buonarroti il Giovane.  Ci sono noti tutti gli allestimenti progettati dall’architetto Bernardo Buontalenti per la tavola regia e per quelle degli ospiti e da Jacopo Ligozzi circa il mobile a forma di giglio di Francia, realizzato per presentare circa duemila pezzi del tesoro mediceo. La documentazione archivistica relativa alla cerimonia ha inoltre messo in evidenza il ruolo cardine avuto sia dalle sculture realizzate per l’occasione in zucchero, ‘alimenti decorativi’ concepiti come vere e proprie opere  d’arte, sia quello delle virtuosistiche piegature di tovaglioli, ugualmente proposte alla meraviglia dei partecipanti. L’evento è organizzato Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, con la collaborazione della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana, la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, la Galleria Palatina di Palazzo Pitti e Firenze Musei.

Paolo Santini