Con Vinci nel cuore

Vinci, il castello dei conti Guidi
Vinci, il castello dei conti Guidi

Alessandro Martelli ebbe sempre Vinci nel cuore e non dimenticò mai la sua amata terra; nel 1911, alla morte di uno dei più importanti studiosi di Leonardo di tutti i tempi, Gustavo Uzielli, insieme allo zio Roberto fece acquistare al Comune di Vinci il fondo leonardiano dell’Uzielli, costituito da oltre 300 pezzi rarissimi di opere a stampa. Nel 1919 sarà sempre Alessandro Martelli a “convincere” gli eredi del conte Masetti a donare il castello dei Conti Guidi al Comune di Vinci per realizzarvi un museo dedicato a Leonardo, nel quarto centenario della morte del Genio. Fu lui, insieme a Renzo Cianchi, a volere fortemente la Biblioteca Leonardiana, fu lui a volerla rendere aperta al pubblico nel 1928, fu sempre lui ad avviare i pesanti e costosi restauri, già nel 1926, del castello di Vinci per realizzare il tanto agognato museo – raccolta di cimeli vinciani. Dal 1929 iniziarono i lavori di restauro più significativi, che videro arrivare a Vinci una serie di finanziamenti, reperiti ovunque ancora dal Martelli, con grande spirito di sacrificio sia a livello locale che a livello nazionale. Non vedrà, a causa della sua morte improvvisa avvenuta nel 1934, il completamento definitivo delle operazioni di recupero e non vedrà l’inaugurazione dei locali della rocca restaurata che ospiterà la Biblioteca Leonardiana fin dall’inverno del 1942. Ma a quel punto, purtroppo, le priorità erano altre ed i restauri si interruppero per un lungo periodo. Martelli ricevette negli anni numerosissime onorificenze: sarà Grand’Ufficiale della Corona d’Italia fino a ricevere il Gran Cordone (25 ottobre 1932), sarà commendatore dell’Ordine Mauriziano (9 giugno del 1930) . Infine, il 1 marzo del 1934 sarà nominato Senatore del Regno con 164 voti favorevoli e 8 contrari. Fu stroncato da un male improvviso, che lo condusse alla morte in pochi giorni. Morì a Firenze, presso l’ospedale di Careggi, il 5 ottobre 1934, a soli 58 anni. Fu seppellito nel cimitero di Vinci, dove riposa ancora oggi nella cappella di famiglia. (6-continua)

Paolo Santini

Link alle puntate precedenti di “Alessandro Martelli e Benito Mussolini”

Puntata numero 1. Un vinciano ministro dell’economia di Mussolini

Puntata numero 2. Il nazionalismo a Empoli

Puntata numero 3. Correva l’anno 1925

Puntata numero 4. La Firenze mare dall’idea di un vinciano

Puntata numero 5. L’uomo che sbatté la porta del Duce