Arnolfo di Cambio, Apostolo  per la facciata incompiuta del Duomo di Firenze
Arnolfo di Cambio, Apostolo per la facciata incompiuta del Duomo di Firenze

Altrove con una di queste opere realizzerebbero un museo intero. Qui, in uno dei luoghi d’arte più belli del mondo e in un contesto straordinario appena consegnato all’umanità intera dopo una superlativa opera di riallestimento, sono capolavori che si aggiungono a capolavori. L’Opera di Santa Maria del Fiore ha acquistato infatti altri tre capolavori di scultura medievale di Arnolfo di Cambio e di Tino di Camaino appartenuti al patrimonio della Cattedrale di Firenze. Le opere entreranno a far parte della collezione del nuovo Museo dell’Opera del Duomo, inaugurato solo due mesi fa, dove saranno esposte stabilmente. Si tratta di un’acquisizione molto importante, non solo per l’eccelsa qualità delle opere, ma anche perché restituisce alla città di Firenze tre elementi risalenti alla fase iniziale di costruzione e decorazione della Cattedrale, avviata nel 1296 dall’architetto e scultore Arnolfo di Cambio. Le tre sculture erano state messe in vendita durante l’ultima Biennale Internazionale dell’Antiquariato di Firenze dalla Galleria Mehringer Benappi, da cui l’Opera di Santa Maria del Fiore le ha acquistate dopo un’attenta valutazione. Nell’occasione la Galleria Mehringer Benappi ha donato all’Opera di Santa Maria del Fiore un’opera inedita: una testa in gesso dell’artista Urbano Lucchesi del 1883. Si tratta di uno studio preparatorio per la statua del San Giuda Apostolo realizzata per la facciata ottocentesca della Cattedrale di Firenze. Di Arnolfo di Cambio la scultura in marmo che rappresenta un Apostolo e che sarà collocata sulla ricostruzione a grandezza naturale dell’antica facciata del Duomo di Firenze nel Museo dell’Opera del Duomo, nella posizione per cui originariamente era stata realizzata. Alta 118 cm per 38,5 di larghezza, la scultura è tra “le massime espressioni del nuovo interesse umano mutuato dalla spiritualità francescana e sviluppato nella coeva pittura di Giotto”, afferma il direttore del Museo, Timothy Verdon. La figura marmorea, rimossa dalla facciata della Cattedrale nel 1587, passata dai depositi dell’Opera alla collezione dei marchesi Torrigiani nell’Ottocento, verrà ora reintegrata nel gruppo della Dormitio Virginis che si trovava nel timpano della porta meridionale della facciata del Duomo. “Quasi tutti gli altri elementi del gruppo della Dormitio Virginis esposto al Museo dell’Opera del Duomo sono copie”, prosegue il direttore del Museo Timothy Verdon, “essendo stati alienati gli originali in epoca indeterminata, e così il ritorno dell’Apostolo è particolarmente significativo”. L’originale della Vergine Dormiente si trova nel Bode Museum di Berlino.

Tino di Camaino, Angelo
Tino di Camaino, Angelo

Le altre due sculture acquistate dall’Opera sono due angeli reggidrappo del maestro senese Tino di Camaino, provenienti dalla tomba del Vescovo Antonio d’Orso, realizzata intorno al 1321 per la controfacciata del Duomo di Firenze. Queste opere – alte rispettivamente 36,5 cm e 35 cm e larghe alla base 57,5 cm e 56,8 cm – decoravano la cimasa del perduto tabernacolo architettonico del monumento. I due angeli, inginocchiati, guardano adoranti verso l’alto con in mano i lembi di un drappo (ora perduto), che, steso sopra l’effigie seduto del Vescovo, alludeva alla Elevatio animae del prelato: l’innalzamento verso Dio della sua anima dopo morto. Il monumento, spostato più volte all’interno del Duomo e senza il suo tabernacolo architettonico, fu riportato nella posizione originale solo nel primo Novecento.

Fonte: Ufficio Stampa Opera di Santa Maria del Fiore